C231 atto vandalico bagni

La mattina di Mercoledì scorso qualcuno ha danneggiato un lavandino dei bagni degli studenti al primo piano, accanto all’aula 216, strappandolo dai supporti di muratura, uno dei quali si è spezzato.

            Si è trattato, senza alcun dubbio, di un atto vandalico, fatto con l’intenzione di provocare un danno.

            I bagni sono rimasti chiusi per un giorno,  dopodichè abbiamo provveduto subito alla riparazione, a spese dell’Istituto. Non sarebbe infatti giusto che a causa del comportamento insensato di uno,  o di pochi, tutti gli altri studenti debbano subire un disagio.

            Un forte disagio lo si prova, vi assicuro, nel dover scrivere una circolare come questa.

            Vandalizzare il luogo dove si studia, che si condivide con tante persone, tra l’altro col pericolo di fare male a sé stessi o ad altri:  faccio fatica a credere che si possa essere così irresponsabili.

            E tuttavia voglio dare all’ignoto autore di questa assurda bravata la possibilità di dimostrare che non è capace solo di fare sciocchezze, ma anche di ammettere di aver sbagliato e di voler fare qualcosa per riscattarsi.

            Sono pronto a riceverlo e ad ascoltarlo.

            So bene che sarà molto difficile che questo avvenga, e che probabilmente questa persona preferirà restare nel suo nascondiglio d’immaturità.

            Ma un’occasione per crescere, io credo,  gli va pure data.

Allegati:

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.